Punta Fertà Canale Ovest “Canale del Giardino dei Fiori di Roccia”

26 Mar 2020 | Itinerari, Scialpinismo

difficoltà: / 4.1 / E3

esposizione preval. in discesa: Ovest

quota partenza (m): 1450

quota vetta/quota massima (m): 2780

dislivello totale (m): 1350

località partenza: Pialpetta, Rivotti (Groscavallo , TO)

prima probabile discesa: R. Boran, L. Brunati, L. e M. Enrico ; 12/01/2020

materiale occorrente: ramponi (piccozza utile ma non indispensabile)

Note tecniche:

Il canale è ben visibile risalendo il Vallone di Vercellina e si trova sul lato idr. sx, all’inizio della grande bastionata che rappresenta il crestone che culmina poi sulla Fertà. Lo si potrebbe anche risalire stando bassi nel vallone ma si consiglia di fare il giro descritto. Il canale lo si può osservare ottimamente durante la salita e si consiglia di guardare bene i passaggi.

Itinerario non difficile come pendenze ma molto estetico.

L’esposizione è alta essendo sopra a grandi salti rocciosi ma essendo piuttosto articolato pensiamo che un E3 sia sufficiente come gradazione. Da stare comunque attenti in particolare con neve dura.

Attenzione anche che è estremamente pericoloso per le valanghe.

Accesso:

Da Lanzo seguire le indicazioni per la Val Grande (Cantoira, Chialamberto, Groscavallo) e arrivare fino all’abitato di Pialpetta. Subito dopo il centro paese svoltare a destra sulla strada che porta a Rivotti e Alboni. Al bivio successivo girare a sinistra per Rivotti.

Arrivati all’inizio della frazione, proprio sopra la bianca chiesa, posteggiare.

Descrizione itinerario:

Incamminarsi sulla strada di destra seguendo le indicazioni per il sentiero N°321 GTA che risalendo il Vallone di Vercellina porta al Colle della Crocetta.

Appena sotto al colle proseguire a destra puntando all’ampia sella denominata Colle della Terra della Fertà (2723m), a sinistra si trova la Cima della Crocetta (2824m), a destra la Punta Fertà (2780m). Volendo si può allungare la gita salendo alla Crocetta, da cui poi si torna al colle (attenzione ai ripidi pendii che si attraversano).

Per salire in punta alla Fertà basta seguire la facile cresta (nevosa in inverno e a blocchi in estate), in mezz’ora circa si è in vetta. La salita si fa sci in spalla e sono pertanto consigliabili i ramponi, la piccozza può essere utile ma non indispensabile.

Sulla punta si possono già calzare gli sci ma conviene andare al successivo dosso dove c’è una breve risalita. Da qui si divalla sci ai piedi seguendo fedelmente il crestone sempre ben sciabile, abbassandosi fino all’ultima e più evidente depressione (2550m circa), da cui inizia l’ampio pendio che rappresenta la parte superiore del canale che si apre sulla destra scendendo, lato Vallone di Vercellina.

Dopo la prima parte ampia il canale si va via via restringendo e la roccia si fonde magicamente con la neve, e come seguendo il filo in un labirinto si arriverà al suo termine.

Il canale misura 500m di dislivello dall’entrata all’uscita.

Si scende quindi verso il fondo del vallone puntando a Pera Berghina dove si incontrerà la strada che riporta ai Rivotti. Nell’ultima parte bisogna un po’ districarsi tra la boschina e i ruscelli ma in breve si arriva alla strada.

I Partner

CHIEDICI INFORMAZIONI

12 + 6 =