Discesa de Il Vallone, giro Pian Benot-Piazzette per l’Antecima della Lunella (2670m)

15 Feb 2021 | Scialpinismo

Discesa de Il Vallone, giro Pian Benot-Piazzette per l’Antecima della Lunella (2670m)

Il Vallone visto da Piazzette

l’itinerario per il Colle della Forcola visto da Pala Rusà

accesso a Il Vallone visto dalle Lance

ALPI: Graie meridionali

VALLE: Val di Viù

LOCALITA’: partenza da Pian Benot (1624m), arrivo a Piazzette (Usseglio) (1240m)

ESPOSIZIONE: in discesa in prevalenza nord

DISLIVELLO COMPLESSIVO: in salita 1445m, in discesa 1835m

DIFFICOLTA’: BS

MATERIALE OCCORRENTE: normale dotazione scialpinistica, potrebbero essere utili i rampant.

Il Vallone

ACCESSO:

Da Lanzo seguire le indicazioni per la Val di Viù raggiungendo l’abitato omonimo. Superarlo e continuare in direzione di Lemie ed Usseglio. Superati i tornanti che portano all’inizio del pianoro dove sorge Usseglio si incontra la frazione Piazzette (1240m). Qui conviene visionare l’itinerario di discesa e soprattutto lasciare un’auto per il rientro. Proseguire quindi superando Usseglio e dopo la centrale prendendo la diramazione per Pian Benot (1624m). Arrivati nel piazzale antistante le piste da sci proseguire ancora per la strada, superare delle case, e in leggera discesa raggiungere un altro parcheggio posto proprio al limitare sinistro della pista.

verso il Colle della Forcola, in basso si vede l’imbocco de Il Vallone 

ITINERARIO:

Salire a fianco della pista, oltre le reti di delimitazione (non percorrere assolutamente la pista), fin dove questa gira a destra verso il Tumlet. Abbandonata la pista si risalgono i pendii che adducono al Col della Lance (2170m) sul tracciato della vecchia pista dismessa. Per rendere più remunerativa la gita conviene, nell’ultima parte, non salire verso il colle ma andare verso destra, al colletto dove sorge la vecchia stazione di arrivo dello skilift, e da qui raggiungere in breve la punta della classica Pala Rusà (2290m) (fin qui 700m di dislivello).  Da Pala Rusà scendere sulla dorsale verso l’arrivo del vecchio skilift e poi a destra fino nel punto più basso del vallone, sul pianoro denominato Sagna del Vallone (circa 350m di discesa) (per perdere meno dislivello, ma fare anche di conseguenza meno discesa, da Pala Rusà si può scendere più direttamente per un pendio più ripido, più o meno sotto la vetta, raggiungendo più in alto il vallone che scende dal Colle della Forcola).

scendendo da Pala Rusà

Dal pianoro ripellare e seguire il vallone fino al Colle della Forcola (2460m) (prestare attenzione al pendio appena sotto al colle dove a volte possono tornare utili i rampant) e dal colle per dorsale a destra in vetta all’Antecima Nord della Lunella (2670m).

verso il Colle della Forcola

Dalla vetta scendere per l’itinerario di salita fino alla Sagna del Vallone. Qui si ha, nel verso di discesa, a sinistra il Colle delle Lance e a destra il Colle della Portia. Continuare a scendere superando un breve piano che dà accesso al vallone detto Il Vallone. Scendere sui costoni prevalentemente sulla destra idrografica. Terminati i costoni più ripidi si arriva a una casa diroccata. Spostarsi a sinistra e risalire brevemente a scaletta il ripido pendio boschivo per sbucare su un pianoro che porta a un gruppo di case. Da qui, quota 1490m circa, si può ripellare e tagliando a sinistra raggiungere Pian Benot. Altrimenti scendere a sinistra nel bosco, più fatto ma ancora ben sciabile e divertente, fino a Piazzette.

in discesa ne Il Vallone 

NOTE:

Essendo un itinerario da realizzare in traversata è necessario avere due auto. In alternativa però è possibile anche, con una ulteriore ripellata, tornare a Pian Benot. Pur tuttavia la discesa fino giù è molto divertente e completa bene l’itinerario. Una gita poco frequentata, almeno nella parte de Il Vallone, ma molto bella per pendii e ambiente. Da effettuare con buona copertura nevosa ma sicura.

Le ultime News

Isidoro Meneghin

Isidoro Meneghin

Isidoro Meneghin è stato un personaggio molto importante per l’arrampicata di fine anni ’70 e anni ’80 nelle valli di Lanzo. E’ stato il primo, con S. Sibille, a tracciare una via sulle bastionate di Sea: “Docce Scozzesi” al Trono di Osiride (11/6/1978). Negli anni a...

leggi tutto
Gian Carlo Grassi

Gian Carlo Grassi

di Ugo Manera Il prossimo anno (2021) ricorrono i 30 anni dalla morte di Gian Carlo Grassi avvenuta il primo aprile 1991 in un banale incidente al Monte Bove. E’ stato un grande personaggio nel mondo dell’alpinismo, da molto tempo si parla di pubblicare un libro...

leggi tutto
Daniele Caneparo

Daniele Caneparo

Tra pochi giorni, il 23 novembre,  sarà un anno che Daniele Caneparo non è più con noi. Abbiamo deciso di scrivere un suo ricordo nell’anniversario della morte Daniele, un giorno alla Serpentera (Valle Pesio) Alle 20 inoltrate di un giorno di agosto 2003, in quella...

leggi tutto
5 Agosto 1989

5 Agosto 1989

5 Agosto 1989, ricordando Marco Fassero a cura di Matteo Enrico La Stampa, domenica 6 agosto 1989 A distanza di tanti anni, ho voluto scrivere questo pezzo, a ricordo di un giovane alpinista ciriacese, Marco Fassero, prematuramente scomparso il 5 agosto 1989 sulla...

leggi tutto

I Partner

CHIEDICI INFORMAZIONI

2 + 11 =