Falesia Petit Verdon (Cantoira)

29 Giu 2020 | Arrampicata, Aggiornamenti della Guida

A partire dal 2020 grandi novità si sono aggiunte nella falesia “Petit Verdon” a Cantoira! Nell’ambito del progetto di rivalorizzazione delle falesie cantoiresi i f.lli Enrico hanno eseguito dei lavori importanti al “Petit Verdon”, che vanno ad aggiungersi a quelli eseguiti da Marco Blatto e già presenti sulla guida.

E’ stata rivista in alcuni punti la chiodatura di itinerari esistenti (“I guardiani della luna nera”, “Per molti ma non per tutti”, “Romantica Ornella”, “Diedro che patela”, “Perdonatemi o genitori”) e sono state tracciate alcune vie nuove:

  • Settore sinistro: a sinistra de “I guardiani della luna nera” è nato il tiro denominato “Guardando la Luna”, arrampicata su muro a tacche, grado 6b+
  • Settore centrale: a sinistra dell’attacco di “Avalon” e “Da Cosa Nasce Cosa” (attacco in comune su golfari, la seconda prosegue poi dritti su spit-fix) è stata tracciata la via “La Camola“, inizio atletico ma su buone prese, poi tratto facile e uscita su muro tecnico. Sosta in comune con “Da Cosa Nasce Cosa”. Grado 6a+. A destra di “Avalon” e “Da Cosa Nasce Cosa” un altro tiro in preparazione.
  • Settore destro sulla cengia: a sinistra di “Polo, il buco con la roccia intorno” è nato il tiro denominato “Covid”, arrampicata atletica, grado 6a+, a destra de “L’enigma dell’oste” è stato tracciato il tiro “Big Jim“, grado 6c, E ancora a destra di questo il nuovo tiro (2 giugno 2021) “Fass1” , grado 6c, partenza con movimenti difficili su tacche. Sull’estremità destra della cengia è nato invece “La Nobildonna”, che percorre l’evidente diedro ben visibile anche dalla provinciale fin sotto al tetto triangolare, partenza difficile in fessura strapiombante, grado 6c. Appena dopo la pianta, dove la cengia inizia a scendere il 24/09/2023 è stato terminato con l’aiuto di Stefano Merlatti il tiro “Il Porcello“, dura partenza strapiombante anche aiutandosi in spaccata con la parete opposta, poi ancora un ribaltamento ostico e quindi muro con alcuni passi da interpretare. Per ora sosta a sinistra in comune con “La Nobildonna”. Grado: proposto 7a

 

da sx a dx i tiri nuovi (in blu): Guardando la Luna (6b+), La Camola (6a+), Progetto, Covid (6a+), Big Jim (6c), Fass1 (6c), La Nobildonna (6c), Il Porcello (7..)

Per i tiri sulla destra è consigliato l’uso del casco per chi assicura: la roccia a tratti deve pulirsi ancora un po’.

Per il prospetto generale della falesia si rimanda alla guida “Val Grande in Verticale

NOVITA’ NOVEMBRE 2020 !!

A destra della parete principale del “Petit Verdon”, lungo il suo naturale proseguimento, si trova il settore “Amazzonia”. Al di sopra di questo muro strapiombante, percorso da due monotiri con difficoltà 7c e 7a, vi è la placca sospesa con i tiri “Petit Verdon” e “Saratoga”. Questi, fino ad ora, erano raggiungibili o con una corda doppia dalla terrazza oppure facendo il suddetto tiro di 7a denominato “Amazzonia”. Marco Blatto comunica di aver aperto un accesso dal basso su difficoltà più contenute e che ha chiamato “Hotel Belvedere”. Sotto la relazione.

Hotel Belvedere

Prima salita: Marco Blatto in solitaria dal basso. “Petit Verdon” e “Saratoga” – quest’ultima nota anche come “Diedro belvedere” – sono state aperte nel 1990 da A.Ala dall’alto, ed entrambe richiodate da M.Blatto nell’autunno 2018.

Difficoltà: S1/RI; 6a+(6a obbl.)

Sviluppo: 80 m (comprensivo di “Saratoga” o “Diedro Belvedere”)

Esposizione: Sud ed Est

Una linea che permette di raggiungere la grande placca sospesa dove vi sono i monotiri di “Petit Verdon” e “Saratoga”, senza dover percorrere le due difficili lunghezze di “Amazzonia” 7a+ (in fase di restyling anche questa da parte di chi scrive). Arrampicata particolare che richiede cautela nella prima parte, poi roccia ottima. Ancora un po’ da ripulire in generale

L1: attaccare con cautela la grande lama delicata e strapiombante che piega a destra, protetti comunque da 3 solidi fix 5c. Sotto il quarto fix, occorre prestare attenzione alla roccia stratificata (non vi appendete che tanto non è il caso!) anche se il tratto è abbastanza evitabile grazie al ballatoio alla fine della lama. Superare un bel muro strapiombante e un gradino spiovente che porta nella nicchia dove vi è un secolare castagno secco sospeso nel vuoto 6a. Proteggersi eventualmente con fettuccia nella pianta più a DX (ottima) e raggiungere il “rateau de chevre” di sosta (S1).

L2: Attaccare con passo difficile il muretto iniziale 6a+ (o A0 tirando il fix più alto di sosta) e seguire una bella placca che va abbattendosi. Traversare decisamente e facilmente a SX su roccia lavorata 4c fin sul ciglio del grande strapiombo. Con passo in grande esposizione, girare lo spigolino che delimita a destra il diedro, che nasconde la sosta alla base della “placca sospesa”, dove un provvidenziale ramo di ginepro inclinato, consente una posizione agevole sul ciglio del grande strapiombo (S2).

L3: Di qui due possibilità: a SX su placca delicata ed esposta di “Petit Verdon” 6a+, o nel diedro a DX di “Saratoga” (“Diedro Belvedere”), lungo fessura molto tecnica e placca in uscita 6a.

Discesa: Da S3 con doppia fino a S2. Di qui grande doppia nel vuoto nello strapiombo, lungo la linea di “Amazzonia”.

Materiale: sono sufficienti 8 rinvii e una corda di 70 m

NOVITA’ MAGGIO 2021 !!

Ancora Marco Blatto comunica alcune novità nel settore destro

A destra di “Hotel Belvedere”, è stato aggiunto un primo tiro a “Camera con Svista” diff. 6a e chiodato un nuovo tiro: “Cattivi maestri” 6b, bello spigolo strapiombante con movimenti atletici.

Le ultime News

Il sentiero Motti

Il sentiero Motti

IL SENTIERO MOTTI     Note Bellissimo anello dedicato all’alpinista Gian Piero Motti. Recentemente ripulito e sistemato a cura del volontari del CAI. i volontari del CAI in partenza per ripristinare il sentiero   Dislivello: 750m D+ Lunghezza: 9,5 km...

leggi tutto

I Partner

CHIEDICI INFORMAZIONI

15 + 10 =