Parete del Naufrago – via della Fisarmonica

14 Set 2020 | Arrampicata, Aggiornamenti della Guida

Un’altra bella possibilità per scalare sulla Parete del Naufrago, una delle strutture più comode di Sea

PARETE: PARETE DEL NAUFRAGO

ALPI: GRAIE MERIDIONALI

VALLE: VALLONE DI SEA – VAL GRANDE DI LANZO

LOCALITA’: FORNO ALPI GRAIE

VIA: VIA DELLA FISARMONICA

APRITORI / DATA: C.BATTEZZATI, A. LUCCHETTA, I. MENEGHIN ; 13/06/1982

RIATTREZZATORI / DATA: L. ENRICO, M. ENRICO, A. IPPOLITI, D. MARGIOTTA ; 05/08 e 12-13/09/2020

ESPOSIZIONE: SE

SVILUPPO: 180m

DIFFICOLTA’: I/RS2 – 6a+/7a max  e 2 passi N.L.

MATERIALE IN POSTO: 52 spit-fix comprese le soste

MATERIALE OCCORRENTE: 1 serie di friend BD dal n°0.3 al n°4, un nut grande per l’ultimo tiro, corde da 60m.

AVVICINAMENTO: Da Forno Alpi Graie percorrere la strada che porta al Santuario di Nostra Signora di Loreto e parcheggiare in prossimità del bivio con il Vallone di Sea (cartello con divieto di transito). Percorrere la stradina fino al suo termine (dove c’è il guado per lo “Specchio”) e proseguire sul sentiero (che porta a Balma Massiet e al bivacco Soardi-Fassero) segnavia n. 308, superare il balconcino roccioso del Passet e giungere alla prima evidente pietraia che sale verso destra, esattamente di fronte alle prese dell’acquedotto ubicate sul lato idrografico destro della Stura e nelle vicinanze di un grosso masso denominato “Il cubo magico”. Risalire la pietraia, al suo termine piegare verso destra inoltrandosi tra le piante. Usciti da queste costeggiare la parete per tracce di sentiero stando preferibilmente, dove possibile, sulle zone rocciose terrazzate fino a una zona umida dove scorre dell’acqua di risorgenza. La via attacca subito dopo, tra questa zona umida e i diedri della via “Arabesque”.

 NOTE: una via completamente dimenticata e probabilmente irripetuta o quasi. Con il restyling è stata in gran parte raddrizzata e il tiro in origine in A1 è ora percorribile con stupenda arrampicata in libera. Solo sugli ultimi due passi resiste ancora l’artificiale ma la libera, anche qui, sembra fattibile. La roccia che si incontra su questa via è sempre bella e molto compatta tanto da sembrare in certi tratti quasi modellata dall’acqua. Le zone erbose fanno solo da cornice non disturbando la scalata.

La riattrezzatura è stata eseguita con il consenso dei due apritori ancora in vita.

DESCRIZIONE VIA:

L1: tiro nuovo 2020, 5c – attaccare il muro articolato con spit-fix con piastrina rossa all’attacco. 9 spit-fix, in uscita prevedere un n°2 e uno 0.5. Sosta con 2 spit-fix.

L2: tiro nuovo 2020, 6a+  – dalla sosta salire dritti verso una zona erbosa fino alla base di una strozzatura sulla destra. Superarla (friend n°4) e proseguire sulla bella placca (prevedere friend n°0.4 e/o 0.5) fino all’ultimo spit-fix. Da questo traversare a sinistra alla terrazza con la sosta. In tutto 7 spit-fix. Sosta di calata con 2 spit-fix.

L3: 5c – traversare decisamente a sinistra e poi salire dritti per un pilastrino biancastro con buone prese. Al suo termine obliquare ascendendo verso sinistra a una terrazza. 3 spit-fix, friend inutili. Sosta con 2 spit-fix.

L4: 6a+ – dalla sosta portarsi nel diedro a destra, al suo termine superare un passaggio delicato portandosi alla base della parete soprastante. Con dei ribaltamenti fessurati (prevedere alcuni friend) traversare sotto di essa verso sinistra fino a una cengia. 4 spit-fix. Sosta con 2 spit-fix.

L5: 6c+/7a con 2 passi N.L. – bellissimo tiro che risale tutto il diedro. Gli ultimi 2 passi non sono stati per ora liberarti ma sembrano fattibili. 10 spit-fix, friend inutili. Sosta di calata con 2 spit-fix.

L6: tiro parzialmente nuovo 2020, 6a+ con un passo probabile 6c – dalla sosta traversare a sinistra verso il muro fessurato caratterizzato da un pilastro cubico di roccia. Superare l’inizio molto atletico (friend n°0.4, molto utile un nut grande, poi friend n°0.3) ribaltandosi su una breve placca spiovente. Affrontare quindi il muro nero compatto a tacche. Sulla pancia seguente si trova un ostico passo di ribaltamento, adesso che è pulito potrebbe essere 6c, da confermare. In tutto 8 spit-fix. Sosta di calata con 2 spit-fix.

DISCESA:

con tre doppie sulla via.

Le ultime News

Isidoro Meneghin

Isidoro Meneghin

Isidoro Meneghin è stato un personaggio molto importante per l’arrampicata di fine anni ’70 e anni ’80 nelle valli di Lanzo. E’ stato il primo, con S. Sibille, a tracciare una via sulle bastionate di Sea: “Docce Scozzesi” al Trono di Osiride (11/6/1978). Negli anni a...

leggi tutto
Gian Carlo Grassi

Gian Carlo Grassi

di Ugo Manera Il prossimo anno (2021) ricorrono i 30 anni dalla morte di Gian Carlo Grassi avvenuta il primo aprile 1991 in un banale incidente al Monte Bove. E’ stato un grande personaggio nel mondo dell’alpinismo, da molto tempo si parla di pubblicare un libro...

leggi tutto
Daniele Caneparo

Daniele Caneparo

Tra pochi giorni, il 23 novembre,  sarà un anno che Daniele Caneparo non è più con noi. Abbiamo deciso di scrivere un suo ricordo nell’anniversario della morte Daniele, un giorno alla Serpentera (Valle Pesio) Alle 20 inoltrate di un giorno di agosto 2003, in quella...

leggi tutto
5 Agosto 1989

5 Agosto 1989

5 Agosto 1989, ricordando Marco Fassero a cura di Matteo Enrico La Stampa, domenica 6 agosto 1989 A distanza di tanti anni, ho voluto scrivere questo pezzo, a ricordo di un giovane alpinista ciriacese, Marco Fassero, prematuramente scomparso il 5 agosto 1989 sulla...

leggi tutto
Val Grande in Verticale – edizione 2020

Val Grande in Verticale – edizione 2020

PROGRAMMA VAL GRANDE IN VERTICALE 2020 Sabato 05 Settembre: A partire dalle ore 09.00 iscrizioni e consegna pacco partecipazione presso piazzale dietro Albergo Savoia di Forno Alpi Graie; Arrampicata presso le pareti del Vallone di Sea e della Val Grande, in autonomia...

leggi tutto

I Partner

CHIEDICI INFORMAZIONI

9 + 4 =