M. Bessanetto colletti q. 2800m circa – Canali “Centrale” e di “Sinistra”

15 Mar 2021 | Scialpinismo

M. Bessanetto colletti q. 2800m circa – Canali NE: “Centrale” e di “Sinistra”

in arancione il canale di “Destra”, in verde il canale “Centrale”, in viola il canale di “Sinistra”

ALPI: Alpi Graie Meridionali

VALLE: Val d’Ala

LOCALITA’: Balme (1430m)

ESPOSIZIONE: nord-est

DISLIVELLO COMPLESSIVO: 1670m

DIFFICOLTA’: 4.1 E1 per quello di “Sinistra” e 4.2 E1 per quello “Centrale”

MATERIALE OCCORRENTE: piccozza e ramponi

DESCRIZIONE:

Da Lanzo seguire le indicazioni per la Val d’Ala (Ala di Stura, Balme, Pian della Mussa) ed arrivare a Balme, ultimo paese della valle. Fino a maggio la strada che sale al Pian della Mussa è chiusa, parcheggiare quindi prima della sbarra e invece che seguire la strada carrozzabile (adibita a pista di fondo) salire per il più diretto tracciato sulla destra orografica del torrente, fino a sbucare sul Piano.

Portarsi nel Vallone Saulera come per andare al classico Passo delle Mangioire (si può passare dal fondo del Piano girando a sinistra per portarsi sotto al Tovetto e da qui divallare brevemente nel Vallone oppure, più direttamente, si può salire dai pendii dietro a Villa Sigismondi, davanti al gruppo di case dove c’è il ristorante Bricco).

Salito il primo strappo del Vallone Saulera, prima che inizi a girare verso destra per portarsi alle Mangioire, verso q. 2400m circa, si palesano evidenti sulla destra due canaloni divisi da una prua di roccia. Girandosi invece di 180 gradi, a guardare la salita fatta, si nota, ripido ed incassato, un terzo canale, quello che porta alla quota 2920m e denominato “Canale di destra”.

NOTE:

Due canali molto evidenti, ben visibili sia salendo verso le classiche Mangioire che dall’antistante Punta della Serene, molto più classici rispetto al terzo canale, quello di destra, che rappresenta invece un itinerario di ricerca. I due canali descritti si prestano ad essere scesi entrambi nella stessa giornata.

Ogni canale, da dove si abbandona la traccia per le Mangioire sul piano, misura 400m di dislivello fino ai rispettivi colletti di uscita. Da qui si può facilmente andare ancora fino al Bessanetto, aumentando il dislivello ma senza aggiungere nulla alla gita.

Il dislivello indicato di 1670m risulta invece facendo prima il canale “Centrale” fino al colletto e scendendo poi, tagliando in diagonale, verso l’imbocco vero e proprio di quello di “Sinistra”. Facendo uno solo dei due canali il dislivello scende a 1340m circa ma si consiglia l’abbinamento.

Quello “Centrale” ha un’uscita più ripida, anche se da sotto non sembra, quello di “Sinistra” invece, con buone condizioni di neve, lo si può risalire sci ai piedi fino all’uscita o quasi. Volendo si possono anche prendere gli imbocchi passando dal Passo delle Mangioire con largo giro.

Le ultime News

Gian Piero Motti

Gian Piero Motti

Nell’illustrare le Valli di Lanzo in Verticale è impossibile non dedicare un capitolo a Gian Piero Motti. E’ stato il principale protagonista della scalata in queste valli, e soprattutto nella Valle Grande, a cavallo degli anni ’60 e ’70 del secolo scorso. Di Motti si...

leggi tutto

I Partner

CHIEDICI INFORMAZIONI

3 + 12 =