M. Bessanetto q. 2920m circa – Canale di destra

23 Feb 2021 | Scialpinismo

M. Bessanetto q. 2920m circa – Canale di destra

in arancione il canale di “Destra”, in verde il “Centrale”, in viola quello di “Sinistra”

i canali del versante est del Bessanetto

il canale: la parte bassa dell’itinerario

la rampa: la parte alta dell’itinerario

ALPI: Alpi Graie Meridionali

VALLE: Val d’Ala

LOCALITA’: Balme (1430m)

ESPOSIZIONE: nord e sud-ovest

DISLIVELLO COMPLESSIVO: 1500m

DIFFICOLTA’: 4.3 E2

MATERIALE OCCORRENTE: piccozza e ramponi

DESCRIZIONE:

Da Lanzo seguire le indicazioni per la Val d’Ala (Ala di Stura, Balme, Pian della Mussa) ed arrivare a Balme, ultimo paese della valle. Fino a maggio la strada che sale al Pian della Mussa è chiusa, parcheggiare quindi prima della sbarra e invece che seguire la strada carrozzabile (adibita a pista di fondo) salire per il più diretto tracciato sulla destra orografica del torrente, fino a sbucare sul Piano.

Portarsi nel Vallone Saulera come per andare al classico Passo delle Mangioire (si può passare più classicamente dal fondo del Piano girando a sinistra per portarsi sotto al Tovetto e da qui divallare brevemente nel Vallone oppure, più direttamente, si può salire dai pendii dietro a Villa Sigismondi, davanti al gruppo di case dove c’è il ristorante Bricco). Salito il primo strappo del Vallone Saulera, prima che inizi a girare verso destra per portarsi alle Mangioire, verso q. 2400m circa, si palesano evidenti sulla destra due canaloni divisi da una prua di roccia. Il nostro canale rimane invece nascosto fino all’ultimo in quanto girato a guardare il senso di marcia.

Se ci si volta lo si vede subito a destra di quello più a destra degli altri due, stretto, estetico ed incassato. Lo si risale su pendenze sostenute fino a una selletta che sembra portare sul vuoto. Ribaltandosi sopra ci si trova viceversa su un bel plateau di modesta inclinazione. Davanti si trova la massiccia cuspide del monte e si nota evidente una bella rampa obliqua da destra a sinistra, che rappresenta la seconda parte dell’itinerario.

La si può risalire oppure in alternativa si può ascendere per un canalino più a sinistra quasi sul limitare del plateau arrivando sulla sommità della rampa, sotto al castello roccioso sommitale (q. 2920m circa) . In discesa si segue la rampa e a ritroso il canale.

NOTE:

Itinerario “di scoperta” a due passi da una delle gite più classiche della zona. Il canale, seppur non molto lungo, è molto estetico e le inclinazioni sono piuttosto sostenute, almeno 45° nella seconda parte. Vista la brevità si era pensato di gradarlo 4.1 ma dopo la ripetizione di Diego Margiotta il 13/03/2021, che lo ha valutato un possibile 5.1, si è pensato di gradarlo 4.3. Usciti dal canale la rampa, meno inclinata ma più esposta, conferisce ancora un tocco di esteticità all’itinerario, rendendolo un po’ particolare.

PRIMA PROBABILE DISCESA: R. Boran, L. Brunati, L. Enrico, M. Enrico ; 29/02/2020

Le ultime News

Gian Piero Motti

Gian Piero Motti

Nell’illustrare le Valli di Lanzo in Verticale è impossibile non dedicare un capitolo a Gian Piero Motti. E’ stato il principale protagonista della scalata in queste valli, e soprattutto nella Valle Grande, a cavallo degli anni ’60 e ’70 del secolo scorso. Di Motti si...

leggi tutto

I Partner

CHIEDICI INFORMAZIONI

10 + 9 =