Dent D’Ecot, il canale Sud-Est

23 Gen 2020 | Scialpinismo

Difficoltà: 4.3 / E2

Esposizione prevalente in discesa: Sud-Est

Quota partenza (m): 1219

Quota vetta/quota massima (m): 3080

Dislivello totale (m): 1880

Località partenza: Forno Alpi Graie (Forno Alpi Graie , TO )

Materiale occorrente: piccozza e ramponi

Prima probabile discesa: R. Boran, L. Brunati, L. e M. Enrico ; 19/01/2020

NOTE

Il largo canale è ben visibile, almeno fin dove si arresta contro a uno scudo di roccia quotato 3030 m. Dopo sembra esaurirsi ma in realtà prosegue a destra sempre più ripido e stretto.

Noi siamo saliti fino a quota 3080m. In totale, dall’inizio dal conoide, sono 400m di dislivello.

Fino alla parete la gradazione può essere 4.1 E2, nel tratto successivo invece la pendenza cambia decisamente e giustifica il 4.3 E2.

Oltre la quota a cui ci siamo fermati la pendenza aumenta ancora e il canale si fa più stretto e tortuoso ma la sciata sembra possibile. La prosecuzione sembra essere circa 50 metri.

ACCESSO

Da Lanzo seguire le indicazioni per la Val Grande (Cantoira, Chialamberto, Groscavallo) e arrivare fino in fondo alla Valle, all’abitato di Forno Alpi Graie.

Parcheggiare nella piazza oppure, se non è inverno e il passaggio è sgombro dalla neve, svoltare nella strettoia a monte dell’Albergo Savoia e posteggiare presso il ponte sulla Stura.

ITINERARIO

Al di là del ponte inizia la strada, che poi diviene sentiero, per il Rifugio P. Daviso (segnavia N°315).

Si segue il sentiero fino al pianoro di Rua Piana (circa 1800m), in primavera normalmente si devono portare fino a poco prima gli sci, per un 400m (1 h circa), nella stagione invernale invece, a parte un breve tratto iniziale, l’itinerario è pressochè tutto sciabile.

Da qui bisogna puntare ai dossi su cui sorgeva il bivacco Rivero, distrutto dal vento e non più ricostruito.

Dalla fine del pianoro si segue l’evidente canalone al termine del quale se si prosegue dritti ci si immette nella conca che porta al Canale Martellot e se si gira a destra si perviene al rifugio Daviso.

Si deve invece uscire a sinistra risalendo poi il ripido fianco del dosso di destra sopracitato, pervenendo al Ghiacciaio Nord del Mulinet.

Questo itinerario è consigliato in discesa, sia nella stagione primaverile che in quella invernale.

Da Rua Piana si può però anche salire a sinistra, passando sotto l’imponente bastionata su cui si trova il Passo delle Lose, si arriverà così da sinistra al Ghiacciaio Nord del Mulinet. Può essere bello e consigliabile, condizioni permettendo, fare il giro ad anello.

Il canale è molto evidente e largo fin dove arriva contro a una bastionata di roccia, e si trova tra il canale della Sella di Groscavallo e la lunga cresta della Dent d’Ecot e ne delimita il fianco sinistro.

Dopo la bastionata il canale prosegue a destra, sempre più ripido e stretto, per finire poi sulla cresta.

 

Altri itinerari di skialp >

Le ultime News

Isidoro Meneghin

Isidoro Meneghin

Isidoro Meneghin è stato un personaggio molto importante per l’arrampicata di fine anni ’70 e anni ’80 nelle valli di Lanzo. E’ stato il primo, con S. Sibille, a tracciare una via sulle bastionate di Sea: “Docce Scozzesi” al Trono di Osiride (11/6/1978). Negli anni a...

leggi tutto
Gian Carlo Grassi

Gian Carlo Grassi

di Ugo Manera Il prossimo anno (2021) ricorrono i 30 anni dalla morte di Gian Carlo Grassi avvenuta il primo aprile 1991 in un banale incidente al Monte Bove. E’ stato un grande personaggio nel mondo dell’alpinismo, da molto tempo si parla di pubblicare un libro...

leggi tutto
Daniele Caneparo

Daniele Caneparo

Tra pochi giorni, il 23 novembre,  sarà un anno che Daniele Caneparo non è più con noi. Abbiamo deciso di scrivere un suo ricordo nell’anniversario della morte Daniele, un giorno alla Serpentera (Valle Pesio) Alle 20 inoltrate di un giorno di agosto 2003, in quella...

leggi tutto

I Partner

CHIEDICI INFORMAZIONI

5 + 8 =