Cascata del Rio Vallonetto (1480m)

9 Mar 2022 | Cascate di Ghiaccio, News & Articoli

Un itinerraio tanto affascinante quanto lontano dalle folle, per una bella giornata di montagna

sul primo tiro

 

ALPI: Graie Meridionali

VALLE: Val d’Ala

LOCALITA’: Mondrone (1268m)

APRITORI / DATA: C. Andreotta, A. Scatolero ; 1°ripetizione: C. Battezzati, E. Bonfanti, G.C. Grassi

ESPOSIZIONE: nord

DIFFICOLTA’: 3WI I

SVILUPPO: 300m

MATERIALE IN POSTO: nulla

MATERIALE OCCORRENTE: viti da ghiaccio, cordoni, utili ma non indispensabili due o tre friend medi

la cascata vista dal sentiero 

 

AVVICINAMENTO:

Risalire la Val d’Ala fino all’abitato di Mondrone (frazione di Ala di Stura) e posteggiare nella piazza antistante la chiesa. Il sentiero da seguire è il N°212 per il Lago del Casias. Senza inoltrarsi tra le case dietro la chiesa scendere dal sentiero che si origina sul fondo della piazza e che conduce verso il torrente Stura. Piegare a destra passando vicino al campo giochi giungendo in breve al ponte in legno che permette di attraversare la Stura. Sul lato opposto il sentiero ritorna verso valle portando brevemente a una biforcazione. A questo punto abbandonare la traccia che, continuando a correre parallelamente alla Stura, porta alla Gorgia di Mondrone e prendere invece quella che sale. Un cartello in legno indica il Lago del Casias. Dopo il primo tratto in salita il sentiero corre parallelamente alla profonda incisione generata dal Rio Vallonetto fino ad uscire nella conca dove si genera il primo salto della cascata. Abbandonare il sentiero (30 min da Mondrone) prima che inizi ad inerpicarsi per i ripidi tornanti sulla destra e scendere nel letto del torrente puntando per blocchi al primo salto (40-45 min circa da Mondrone).

 

NOTE:

Un itinerario molto bello ma praticamente sconosciuto nonostante il facile e comodo accesso e il fatto che si veda dalla piazza di Mondrone. Quattro salti principali determinano le difficoltà ma i tratti intermedi di spostamento nell’incassato Rio sono molto suggestivi risalendo brevi salti, strozzature e pozze gelate. Più che una cascata una piccola ascensione in un luogo selvaggio e solitario nonostante la vicinanza a Mondrone.

In caso di forte innevamento la cascata potrebbe essere parzialmente coperta e potrebbero risultare difficoltosi i trasferimenti tra i vari salti. Prestare anche attenzione al rischio valanghe visto che l’itinerario si svolge in un’incassata forra sovrastata dal ripido versante che scende dalle propaggini del Monte Rosso d’Ala. Si consiglia di effettuare la salita in annate con scarso innevamento.

Nonostante la quota non molto elevata l’esposizione concorre a mantenere formata la cascata che risulta fattibile, in condizioni di adeguato freddo, anche a inizio marzo. Il salto più critico è il primo.

Attenzione alle pozze gelate! In esse l’acqua è profonda!

 

DESCRIZIONE CASCATA:

1°SALTO: Il primo salto misura 60m e va affrontato sulla sinistra, vicino alle rocce (dove è anche possibile piazzare un friend). L’uscita dal primo più ripido muro (80°) potrebbe risultare un po’ delicata vista la cospicua portata d’acqua, un successivo tratto più facile (65° circa) porta all’intaglio dove si genera la prima pozza. Sosta su clessidra di roccia.

1° salto

SPOSTAMENTO: contornare sulla destra la pozza e salire il successivo breve muretto che immette nel fondo del torrente. Risalirlo facilmente fino all’inizio del secondo evidente salto.

verso il 2° salto

2° SALTO: il secondo salto misura circa 45m. Si risale direttamente (75°-80°) fino al suo termine dove si fa una sosta su viti su un ripiano alla base del terzo salto.

2° salto

3° SALTO: è il più facile e il più breve. Circa 30m a 70°. Sosta su massi.

3° salto

SPOSTAMENTO: risalire il letto del torrente superando brevi saltini e strozzature e giungendo alla base di una evidente cascata sulla destra (lato idrografico sinistro).

all’inizio del 4° salto

4° SALTO: superare la cascata che dopo un primo tratto più verticale (80°) si abbatte progressivamente fino a restringersi nel letto del ruscello. Con 60m si giunge alla fine delle difficoltà sostando su alberi o su clessidra di roccia. Da qui uscire sui prati a destra.

sulla cascata del 4° salto 

DISCESA:

Risalire brevemente a destra il dosso erboso fino al suo culmine da cui, poco sotto in basso a destra, si nota l’Alpe Vallonetto. Scendere alle case e seguire il sentiero N°212 segnalato con bolli bianchi e rossi che riporta con ripide svolte al punto dove lo si era abbandonato. Da qui si torna a Mondrone.

Attenzione al ghiaccio sul sentiero!

Le ultime News

Il Caporal ha 50 anni

Il Caporal ha 50 anni

Pubblichiamo uno scritto di Ugo Manera sui 50 anni della prima salita del Caporal. Questa nota parete non si trova nelle Valli di Lanzo eppure, come ci spiega Ugo, la sua prima ascensione rappresentò l'apice di un percorso iniziato da qui. Articolo pubblicato per...

leggi tutto
Il Plu di una volta

Il Plu di una volta

Ugo Manera ci regala questi bei ricordi sui pilastri del Monte Plù  Arrampicare al Plu IL PLU DI UNA VOLTA   Sul sito: Valli di Lanzo in Verticale ho letto un recente articolo che illustra una riscoperta della Piramide del Plu. Il nome Plu ha risvegliato in me molti...

leggi tutto

I Partner

CHIEDICI INFORMAZIONI

8 + 6 =