Sci ripido – Uja di Bessanese (3618m) – parete est

1 Apr 2022 | News & Articoli, Scialpinismo

Sciare la parete est della Bessanese era probabilmente un desiderio di molti, ci sono riusciti due giovani della vicina Val Grande, Edoardo Casalegno e Simone Olivetti. La loro è una probabile prima discesa.

Di seguito la relazione di Simone.

 

Uja di Bessanese (3618m) – la parete est in sci

la discesa

 

VALLE : Val d’Ala

LOCALITA’: Pian della Mussa

ESPOSIZIONE: est

DISLIVELLO COMPLESSIVO :1800

DIFFICOLTA’: 5.3 / E3

MATERIALE OCCORENTE: piccozze da nord , ramponi , 2 viti da ghiaccio, casco .Per eventuale calata : un cordone da abbandono, discensore per calata eventuale, corda 60 metri

verso la est

 

ACCESSO :

Da Lanzo seguire le indicazioni per la Val d’Ala (Ala di Stura, Balme, Pian della Mussa) ed arrivare a Balme, ultimo paese della valle. Fino a maggio la strada che sale al Pian della Mussa è chiusa, parcheggiare quindi prima della sbarra e invece che seguire la strada carrozzabile (adibita a pista di fondo) salire per il più diretto tracciato sulla destra orografica del torrente, fino a sbucare sul Piano.

A questo punto percorrere  metà del piano e in località del bar Bricco deviare a sinistra e salire con pendenze lievi il boscetto che conduce fino al Canale d’Arnas ( prima parte stesso itinerario per il colle del Tovetto). Percorrere interamente il canale  e sbucare sulla piana del Gastaldi dirigendosi in piano in direzioni di destra verso il ghiacciaio della Bessanese , situato a  sinistra della morena di Punta Adami.

A questo punto  percorrere solamente la prima parte del ghiacciaio e risalire il pendio / canale più evidente sulla sinistra ( l’unico senza salti di roccia) , questa prima parte presenta pendenze regolari intorno ai 45 /48 gradi , successivamente spostarsi verso destra e raggiungere il grosso pendio che in estate passa la via normale della Balduino .  Percorrerlo per intero in direzione verticale , qui con pendenze più accentuate , fino a reperire in fondo a sinistra il canale della Balduino.

La prima parte inizia con pendenze molto alte intorno ai 53 gradi , fino a raggiungere la parte più complicata della via , ovvero due saltini di roccia a distanza di 5 metri con annessi delle colate di ghiaccio , possono essere utili due viti per assicurasi in salita.

Superato questo tratto il canale continua con pendenze sempre sopra i 50 gradi e larghezza intorno ai 4/ 5 metri per poi successivamente uscire in punta con pendenze più lievi intorno ai 45/48 gradi.

Il canale ha una lunghezza intorno a 250 / 300 metri .

La parte più complessa in discesa nel canale riguarda i salti di roccia ,  risolvibile disarrampicando con ramponi e picche , passi non troppo complessi o altrimenti portare con se dei chiodi da abbandonare per una calata . Tra il primo e il secondo salto è stata lasciata  una fettuccia con moschettone per calarsi ma in questo caso bisogna comunque disarrampicare il primo corto saltino .

Usciti dal canale , scendere la via di salita che anche se le pendenze si abbassano notevolmente , l’esposizione è più alta per i salti di roccia che si trovano in basso.

Le ultime News

Il Caporal ha 50 anni

Il Caporal ha 50 anni

Pubblichiamo uno scritto di Ugo Manera sui 50 anni della prima salita del Caporal. Questa nota parete non si trova nelle Valli di Lanzo eppure, come ci spiega Ugo, la sua prima ascensione rappresentò l'apice di un percorso iniziato da qui. Articolo pubblicato per...

leggi tutto
Il Plu di una volta

Il Plu di una volta

Ugo Manera ci regala questi bei ricordi sui pilastri del Monte Plù  Arrampicare al Plu IL PLU DI UNA VOLTA   Sul sito: Valli di Lanzo in Verticale ho letto un recente articolo che illustra una riscoperta della Piramide del Plu. Il nome Plu ha risvegliato in me molti...

leggi tutto

I Partner

CHIEDICI INFORMAZIONI

1 + 6 =